malasanità veneto marisa sacchetto

Malasanità Veneto: si sottopone a 2 anni di chemio ma era sana.

Malasanità in Veneto, presunto caso ha colpito l’ex cantante Marisa Sacchetto.

Le diagnosticano un tumore, ma dopo due anni scopre di essere sana. Protagonista della vicenda è l’ex cantante padovana Marisa Sacchetto, attiva dal ’69 al 1985, sul palco di Sanremo insieme a Marcella Bella e poi ancora su quello di Canzonissima, che ora ha denunciato la Ulss Euganea per un presunto caso di malasanità. La Sacchetto, oggi 65enne, residente a Piove di Sacco, in provincia di Padova, ha accusato i medici di averla costretta a “un inutile ciclo” di chemioterapia e radioterapia, con conseguenti malesseri e uno stato di prostrazione fisica e psicologica.

Come riporta il Corriere del Veneto, la Sacchetto, che ha posato anche come modella per Playboy e Playmen, nel 2015 si è sottoposta a test e diversi analisi per scoprire di avere un tumore maligno. Subito sono arrivate le cure, le chemioterapie e altri farmaci potenti e dolorosi. Poi, nel 2017, la scoperta: non c’era nessun tumore. Le cure a cui si era sottoposta per due anni erano inutili, oltre che nocive. L’ex cantante, infatti, ha fatto rianalizzare i vetrini e i campioni della biopsia raccolti nel 2015, scoprendo, grazie a una seconda diagnosi, di essere in salute. Ora il pubblico ministero Marco Brusegan ha aperto un fascicolo per lesioni gravissime derivanti da colpa medica, senza alcun indagato. La procura è in attesa dell’esito della consulenza del medico legale incaricato.

Intanto la Ulss in una nota ha espresso “vicinanza umana” alla Sacchetto, confermando la sua “piena fiducia nelle attività degli inquirenti”.

Fonte IlFattoQuotidiano (Articolo completo qui)

Per rimanere informato su altri casi di malasanità in Veneto seguici sulla nostra pagina facebook o visita il nostro blog.

Comments are closed.