Errore medico. gli asportano un rene sano. Chiesto maxi risarcimento.

Errore medico: gli asportano un rene sano. Chiesto maxi risarcimento.

Ennesimo caso di malasanità questa volta a Lucca, per un presunto errore medico gli asportano il rene sbagliato, quello sano.

Atteso per giugno il verdetto del Tribunale di Lucca nell’ambito del processo sul caso del rene sano asportato per errore che vede imputati tre medici accusati di lesioni personali gravissime.

Sentenza rinviata a Giugno

E’ stata rinviata a giugno la sentenza sul caso del rene sano asportato per errore a un 58enne affetto da neoplasia. Il fatto risale all’aprile del 2016.
Il paziente venne sottoposto a una nefrectomia totale presso l’ospedale di Lucca, ma l’esame istologico evidenziò che il rene rimosso, il destro, non era quello intaccato dal tumore.

L’uomo è stato quindi costretto a subire una seconda operazione nel giugno 2016, con la rimozione della parte malata del rene sinistro.
Da allora, tuttavia convive con il rischio dialisi oltre che con la paura che gli esami a cui si sottopone regolarmente, possano portare cattive notizie.

Le accuse

La vicenda del presunto errore medico ha portato all’apertura di un’inchiesta e al rinvio a giudizio, per lesioni personali gravissime, di tre camici bianchi.
Nello specifico sono finiti alla sbarra il medico radiologo che aveva refertato la Tac e due urologi che svolsero materialmente l’intervento.
Per la prima, che secondo l’ipotesi accusatoria avrebbe commesso un errore materiale con scambio del lato destro per il sinistro, il pubblico ministero ha chiesto una pena di cinque mesi. Per gli altri due professionisti la richiesta è invece di sei mesi ciascuno.

La parte lesa, inoltre, ha avanzato una pretesa risarcitoria pari a circa 1,5 milioni di euro per i danni morali, materiali, biologici, patrimoniali e lavorativi subiti.
A tale cifra vanno dedotti i 100mila che il 58enne ha già ricevuto dalla Regione come provvisionale. L’avvocato della parte civile ha invece chiesto per la moglie e i due figli la somma di 100 mila euro.

I legali della difesa, da parte loro hanno invece chiesto per ciascuno dei loro assistiti l’assoluzione. Da parte di uno degli urologi è arrivata, in subordine, la richiesta dello svolgimento di un’ulteriore perizia.

Fonte: responsabilecivile.it (articolo completo qui)

Comments are closed.